dialetti

da 1.1.001 a 1.1.136 – etichette con frasi in dialetto

Descrizione: etichette con le frasi dialettali suddivise in 16 differenti aree dialettali. Ad ogni area corrispondono alcune province. Di seguito sono elencate le 16 area e le frasi emesse per ciascuna area. In totale sono state emesse 136 etichette differenti. E’ possibile consultare un catalogo delle aree e delle frasi dialettali con relativa spiegazione, chiamato “manuale linguistico dell’entusiasmo”, all’indirizzo:

https://www.nutella.com/documents/7354217/7949661/manuale+nuovo/c6d3240d-a535-452e-83cb-d9f80cd3f367

Il manuale cartaceo è catalogato nella sezione libri/cataloghi (n° 2.5.2.003)

Anno di uscita: 2013 ?

Dove si trovava: le etichette venivano regalate nei supermercati dove erano esposte in appositi cartonati (vedi foto sotto). Generalmente in ogni regione si trovano solo le etichette con le frasi del proprio dialetto.

Di seguito aree, le etichette emesse e la traduzione dell’espressione dialettale:

1) Aosta

Nutella-area-1

1.1.001 Poudzo!: (pollice) tipico saluto valdostano, alzando il pollice della mano destra – MANCA

1.1.002 Bondzor: buongiorno e bonjour – MANCA

1.1.003 Chavvo: “ciao” nella versione patois, lingua locale valdostana – MANCA

1.1.004 Dabon?!: “davvero?!” – MANCA

1.1.005 Adon?: “allora?” – “come ti vanno le cose?” – MANCA

1.1.006 Tot amoddo?: “tutto bene?” – MANCA

1.1.007  Salut: “ciao” –MANCA

***

2) Genova, Savona, Imperia, La Spezia

Nutella-area-21.1.008 Scialla: “allegri, evviva”; viene dall’arabo “washa Allah” (e sia gloria a Dio). No, non ha legami con l’italiano giovanile “scialla” – MANCA

1.1.009 Dagghe!: “dacci dentro” – MANCA

1.1.010 Ova!: “evviva”, dialetto arcaico, solo alcuni lo conoscono e lo usano ancora – MANCA

1.1.011 Oh ninin!: “fanciullo/a”, voce tipicamente infantile con ripetizione di sillaba e un diminutivo che esprime tenerezza – MANCA

1.1.012 Comn’a va?: “come va?” – MANCA

***

3) Udine, Pordenone

1.1.013 Bundì: “buongiorno” – MANCA

1.1.014 Dai po!: “forza” – “dai!”, espressione incoraggiante (che di prima mattina è quel che serve, tra l’altro) – MANCA

1.1.015 Sù mo!: come sopra – MANCA

1.1.016 Biel et bon: “bello e buono” – MANCA

1.1.017 Ninìn: “carino” – “grazioso” – MANCA

1.1.018 Figòt: “coccolo”, detto di ciò che si fa coccolare, vezzeggiare, carezzare, che ispira tenerezza e affetto – MANCA

1.1.019 Ce maravee!: “che meraviglia!” – MANCA

1.1.020 Pulît: “come si deve” – MANCA

1.1.021 Une robone: espressione che si riferisce a una cosa bella, attraente, una gran cosa – MANCA

***

4) Lecce, Brindisi

1.1.022 Bbonasorta: “buona sorte”, corrisponde – nell’uso – a “grazie”, ma sottintende un augurio di felicità e fortuna – MANCA

1.1.023 Beddha mia: “bella mia”, vocativo rivolto alla propria amata, ma usato anche per rivolgersi ad amiche o addirittura sconosciute alle quali si vuol mostrare un atteggiamento benevolo – MANCA

1.1.024 Beddhu meu: come sopra, ma al maschile – MANCA

1.1.025 Ci te zziccu!: “se ti acchiappo”, minaccia bonaria e ammiccante – MANCA

1.1.026 Jat’a ttie!: “beato te”, espressione di ammirazione, anche con intento ironico – MANCA

1.1.027 Ddiscitate!: “svegliati” – MANCA

1.1.028 Zzica bonu!: “comincia bene”-  MANCA

1.1.029 Scìamu me’!: “andiamo(cene) su!”, comune forma di sollecitazione a partire o a intraprendere un’attività – MANCA

1.1.030 Me prèsciu: “mi rallegro” – MANCA

***

5) Cagliari, Nuoro, Oristano, Sassari, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Ogliastra, Oblia-Tempio

1.1.031 Ajò!: “dai” – MANCA

1.1.032 Salude”: “salute” – MANCA

1.1.033 Eja: “sì”-  MANCA

1.1.034 Stravanau!: indica qualcosa di eccezionale in senso positivo – MANCA

1.1.035 Ispantu!: “sorpresa” – MANCA

1.1.036 Coro meu!: “cuore mio” – MANCA

1.1.037 Ite bellu: “che bello” – MANCA

1.1.038 Sienda mia: “tesoro mio” – MANCA

1.1.039 Prenda mia: “perla mia”, parola di origine catalano-castigliana – MANCA

***

6) Torino, Cuneo, Asti, Alessandria, Biella, Vercelli

Nutella-area-6

1.1.040 Neh?!: particella che si usa per chiudere le domande retoriche che prevedono una risposta affermativa

1.1.041 Curage!: “coraggio”

1.1.042 Dabùn!: “davvero!?”

1.1.043 Pròpi bun-a!: “propio buona”

1.1.044 Cerea: “buon giorno”, formula di saluto che ancora impiegano coloro che usano il piemontese in modo corretto

1.1.045 Cum a l’è?: “come va?”

1.1.046 Bela masnà: “bel fanciullo” (anche al femminile)

1.1.047 Anduma: “andiamo!”, esortativo

1.1.048 Bel döit: “bel garbo”

***

7) Milano, Novara, Pavia, Cremona, Mantova, Brescia, Bergamo, Varese, Sondrio, Verbano-Cusio-Ossola, Como, Lodi, Monza e Brianza, Lecco

Nutella-area-7

1.1.049 Uelà: incitazione dialettale usata colloquialmente in tutta la Lombardia

1.1.050 Taaac!: esclamazione che può essere avvicinata alla parola legata a un rumore provocato dallo scatto di qualcosa

1.1.051 Bun di: “buon giorno”

1.1.052 ‘Nem: “andiamo”

1.1.053 Ficeù: “fanciullo”

1.1.054 Alùra?: “allora?” – “che si fa?”

1.1.055 Cum te stet?: “come stai?”

***

8) Venezia, Padova, Vicenza, Verona, Trento, Treviso, Belluno, Trieste, Gorizia, Rovigo

Nutella-area-8

1.1.056 Alegressa: “allegria”

1.1.057 Ben sveja: espressione per dare non solo la sveglia, ma anche la carica per affrontare la giornata

1.1.058 Ostregheta: “perbacco!”

1.1.059 Femo festa!: “facciamo festa!”

1.1.060 Come xea?: “come va?

1.1.061 Bisù: tratto dal francese bijoux, esprime qualcosa di grazioso

 

***

9) Bologna, Modena, Reggio Emilia, Parma, Piacenza, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, Pesaro e Urbino, Massa-Carrara, Ancona

1.1.062 T’è fat ben!: “hai fatto bene!”

1.1.063 Bån dé: “buon dì”

1.1.064 Cum vala?: “come va?”

1.1.065 Mo da bån?: “ma davvero?”, si usa per esprimere incredulità

1.1.066 Tóla su dólsa: “prendila dolcemente”

1.1.067 La mi stëla: “la mia stella”

1.1.068 E’mi babì: “il mio bambino”

1.1.069 Nit ma chì!: “venite qui!”

1.1.070 Co’ dit?: “cosa dici?”

1.1.071 Bon’óra!: “andare con auguri di prosperità”

***

10) Firenze, Pistoia, Livorno, Lucca, Arezzo, Siena, Grosseto, Perugia, Prato

Nutella-area-10

1.1.072 Ganzo!: comunissimo a Firenze, esprime ammirazione verso cose, situazioni o persone

1.1.073 Ovvìa: utilizzabile sia per sollecitare un’azione, che per manifestare esasperazione verso un comportamento non gradito – MANCA

1.1.074 Alla grazia: esprime stupore davanti a manifestazioni di abbondanza – MANCA

1.1.075 Alò!: “andiamo” – MANCA

1.1.076 Che bigiù!: “delizioso” – MANCA

1.1.077 Eddìe!: “capirai!” – MANCA

1.1.078 Bòna!: saluto confidenziale MANCA

1.1.079 Giùe: “come alla grazia”

***

11) Roma, Viterbo, Latina

Nutella-area-11

1.1.080 Dàje: “dai”

1.1.081 Anvédi: “ma guarda!”

1.1.082 Ammàppelo!: “accidenti”, esprime meraviglia

1.1.083 J’ammòlla: “gli dà giù”

1.1.084 Arzàmose: “alziamoci”

1.1.085 Svéjete: “svegliati”

1.1.086 Ah bbéllo!: “ehi, tu!” – MANCA

1.1.087 Ah bbélla!: come sopra

1.1.088 Ndó vai?: “dove vai?”

1.1.089 Ah regazzì: “ehi, ragazzino!”

***

12) Macerata, Fermo, Rieti, Terni, L’Aquila, Frosinone

1.1.090 Aìnate: “sbrigati” – MANCA

1.1.091 Cala pó jó: “vieni un po’ giù”

1.1.092 èssolu: “eccolo qui”

1.1.093 C’arzàmo?: “ci alziamo?”

1.1.094 Ce svejémo?: “ci svegliamo?”

1.1.095 Vardasci: “ehi, ragazzi!” – MANCA

1.1.096 A bbardascé: “ehi, ragazzina!”

1.1.097 Cóccu méu!: “bello mio”

1.1.098 Cóccu mia!: “bella mia”

***

13) Ascoli Piceno, Teramo, Pescara, Chieti

1.1.099 èssele: “eccolo qui”

1.1.100 Jame!: “andiamo”

1.1.101 Arevìjjete!: “svegliati!” – MANCA

1.1.102 Bbongiórno: “buon giorno”-  MANCA

1.1.103 Stai buóne?: “stai bene?”-  MANCA

1.1.104 Stié bbóne?: “stai bene?”

1.1.105 Mamma sé!: “mamma sua” – MANCA

1.1.106 Oh frechì!: “ehi, ragazzino”

1.1.107 Ué, quatrà: “ehi, ragazzo” – MANCA

1.1.108 Arusta furia: “mi piace molto” – MANCA

***

14) Napoli, Caserta, Benevento, Avellino, Salerno, Isernia, Campobasso, Potenza

Nutella-area-14

1.1.109 ‘Uaglió: “ragazzo!”, una delle perle del napoletano

1.1.110 Jamm’bbèll’: “andiamo, su!”

1.1.111 Muvìmm’c’!: “muoviamoci” – MANCA

1.1.112 Comm’staje?: “come stai?” – MANCA

1.1.113 Oi nì!: “ehi, piccolo!” – MANCA

1.1.114 Uhé picceré: ehi, piccolina!” – MANCA

1.1.115 Uhé, uhé: “ehi” – MANCA

1.1.116 E vir’ tu: “certamente” – MANCA

***

15) Bari, Foggia, Taranto, Matera, Barletta-Andria-Trani

1.1.117 C’vvù fè?: “che vuoi fare?” – MANCA

1.1.118 Revìgghiete!: “svegliati!” – MANCA

1.1.119 Sciam’ bun’?: “andiamo bene?” – MANCA

1.1.120 Stai bbun’?: “stai bene?” – MANCA

1.1.121 N’alezàme?: “ci alziamo?” – MANCA

1.1.122 Discetìscete: “svegliati” – MANCA

1.1.123 Uh, cumbà: “ehi, compare” – MANCA

1.1.124 Criatù: “ehi, bambino/a/i” – MANCA

1.1.125 U m’nì: “ehi, piccolino/a/i” – MANCA

1.1.126 V’nit’ddò!: “venite qui!” – MANCA

***

16) Palermo, Trapani, Agrigento, Enna, Caltanissetta, Catania, Siracusa, Ragusa, Messina, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Catanzaro, Crotone, Cosenza

Nutella-area-161.1.127 Arricrìati: “divertiti” – MANCA

1.1.128 Chi dici?: “cosa dici?” – MANCA

1.1.129 Agghiurnàu: “è fatto giorno” – MANCA

1.1.130 Ciatu miu: “mio respiro” – MANCA

1.1.131 Curò: “cuore”-“caro” – MANCA

1.1.132 Cumpà: “ehi, amico mio” – MANCA

1.1.133 ‘Mbare: vale come “cumpà”- MANCA

1.1.134 Biddizza: “bellezza”, appellativo e nomignolo affettivo – MANCA

1.1.135 Scjàlati: “gòditela” – MANCA

1.1.136 Cchi lustru!: “che luce!” – MANCA